Museo / Sala Bartali / Biografia

La rivalitą con Fausto Coppi, il Mito dell'Intramontabile

La vera rivalità tra i due fuoriclasse del ciclismo ebbe inizio nel 1946 e finì nel 1953 quando Bartali aveva 39 anni e Coppi 34, come Kubler. Magni ne aveva 33, come Ockers; Van Steenbergen 29, Bobet e Koblet 28.

Bartali, dopo l'incidente automobilistico di Cermenate nell'ottobre del 1953, mentre si recava a Lugano per disputare il Gran Premio Vanini, era intenzionato a ritirarsi dallo sport attivo. I medici lo consigliarono di riprendere, senza eccessivi sforzi, l'attività agonistica per riattivare gli organi lesi nell'incidente stesso.
Pertanto le corse disputate nel 1954 non vanno considerate agli effetti di un confronto statistico vero e proprio. anche perché Coppi, a sua volta, rimase vittima di un ennesimo infortunio che lo costrinse a rinunciare a parecchie gare.

Sono note le tappe più significative dell'epico duello che tanto appassionò gli sportivi italiani e non solo italiani. Ricordiamo i Giri d'Italia e della Svizzera del 1947, il Giro della Toscana del 1948, i Giri d'Italia e di Francia del 1949, e altre corse nel 1950 a cominciare dalla Milano - Sanremo.

Nacque il mito dell'intramontabile.

Associazione Amici del Museo del Ciclismo "Gino Bartali"
E' vietata la riproduzione anche parziale - Per Informazioni:
info@ciclomuseo-bartali.it