Associazione / Iniziative

3/6/2001 - Finalmente la prima pietra !!!

Lo scorso 3 giugno a Ponte a Ema, paese natale di Gino Bartali, Ź stata posata la prima pietra del Museo del Ciclismo, alla presenza della consorte Adriana e dei figli Andrea e Luigi.
La pietra Ź stata donata dal Comune di Castellania, in una sorta di gemellaggio con il paese di Fausto Coppi, e consegnata personalmente dal Sindaco Pietro Coppi.
Per l'occasione sono intervenute numerose personalitą istituzionali e sportive.
L'Assessore allo Sport del Comune di Firenze Eugenio Giani (in rappresentanza del Sindaco) ha tenuto il discorso di apertura, ricordando quanto sia importante questo impegno e auspicando un glorioso futuro; hanno fatto seguito l'Assessore alle Opere Pubbliche e Protezione Civile del Comune di Bagno a Ripoli Stefano Pisilli e Lucia Matteuzzi, presidente del Quartiere 3 di Firenze.
Erano inoltre presenti Antonella Bellutti, campionessa olimpica a Sidney e rappresentante del CONI, assieme a Marcello Marchioni, componente della Giunta Nazionale CONI.
La cerimonia Ź stata consacrata da Don Cubattoli, noto parroco fiorentino e grande amico di Gino Bartali.
Non possiamo inoltre non citare le glorie del ciclismo, quali Ciolli, Soldani, Giusti, Corrieri, Bonini, Baroni e tante altre"memorie storiche" del ciclismo.
Alle personalitą intervenute Ź stata offerta una scultura (una piccola pietra dorata) creata e donata dal maestro Enzo Marinelli.
Indispensabile Ź stato il contributo dei commercianti di Ponte a Ema che hanno curato nei minimi particolari la grande festa seguita da una "cena in piazza" da loro offerta e conclusasi con uno spettacolo pirotecnico.
Il Presidente dell'Associazione, Andrea Bresci, si Ź dichiarato soddisfatto del successo ottenuto, con la speranza che l'evento sia irreversibile e che si possa, finalmente, arrivare alla sospirata costruzione del Museo.

Associazione Amici del Museo del Ciclismo "Gino Bartali"
E' vietata la riproduzione anche parziale - Per Informazioni:
info@ciclomuseo-bartali.it